ristorante brocchette.ph emanuela rizzo (18)-min
Enogastronomia,  RUBRICHE Ristoranti

Le Brocchette a Fiumicino, per chi cerca ristoranti senza asterischi nel menù

Tra i miei amici a caccia di consigli riguardo a dove mangiare pesce fresco sul litorale laziale, tanti mi chiedono in particolar modo quali siano dei validi ristoranti a Fiumicino. L’Hosteria di mare Le Brocchette a Fiumicino è considerata un punto di riferimento della zona. Uno dei motivi principali è indubbiamente la scelta di utilizzare solo il pescato del giorno e variare il menù in base a ciò che offre il mare. Lo svantaggio di questa scelta è che non puoi contare su “quel piatto che ti era piaciuto tanto l’altra volta” ma l’aspetto positivo è che il palato ti ringrazierà per riconoscere il sapore inconfondibile della materia prima fresca. Certamente si tratta anche di una filosofia che fa alzare un po’ i costi di ogni pietanza, ma ti voglio raccontare la mia esperienza di qualche giorno fa in questo locale rinomato, per metterti in condizioni di valutare se valga la pena tentare, almeno una volta.

Ristoranti a Fiumicino: ecco un angolo di mare

Per gustare le proposte di Carmine Carli mi sono accomodata nell’ampia sala esterna, un bellissimo giardino all’aperto caratterizzato dal tetto chiudibile in inverno. Questo locale affacciato sul Lungomare della Salute è situato in un angolo tra i meno caotici della città anche in alta stagione e permette agli ospiti di godere a pieno dell’esperienza culinaria e di convivialità a tavola.

Il menù di Le Brocchette a Fiumicino

Il menù punta tutto sulla disponibilità del pescato giornaliero e proprio grazie alla capacità del cuoco di accettare e sfruttare al meglio la quotidiana alternanza di pesci e crostacei, viene garantita una carta “priva di asterischi”, come ci tiene a sottolineare il proprietario per evidenziare l’assenza di prodotti congelati in cucina.

In una bella giornata di marzo io ho avuto la fortuna di assaggiare tante ricette e varietà di frutti di mare, a partire dai ricchissimi antipasti. Io che non ho un buon rapporto coi crudi, qui ho apprezzato in particolare la sfiziosa degustazione di antipasti, la semplice e freschissima insalata di mare, il sautè di cozze, le molte tartine originali, il rollè di spigola alle erbe con finocchio e arancia – una sorta di tramezzino arrotolato ripieno – e le polpettine di paranza.

L’estro fantasioso dello chef l’ho notato in modo particolare nei primi piatti. Ho cominciato col risotto alle mazzancolle personalizzato con l’aggiunta di rapa rossa nella salsa, limone, burrata e bacche di goji decorative. E che dire poi dei ravioli ripieni di pesce e carciofi fatti in casa e ripiegati a forma di caramelle? Da leccarsi i baffi.

Per quanto riguarda i secondi, mi ha colpito la frittura leggera di calamari e gamberi e ho sorriso di fronte al profumo del dentice preparato come se fosse un arrosto di maiale.

Il vino e il servizio, per un’esperienza di gusto completa

I vini non occupano un posto secondario nella proposta dell’Hosteria, infatti la cantina è fornitissima – circa 130 etichette – e consente ai commensali di creare abbinamenti perfetti con ogni piatto, guidati dal personale preparato del ristorante.

Il servizio non è velocissimo ma è senza dubbio attento e accogliente; ciascun piatto, anche per quanto riguarda l’antipasto misto, viene raccontato e presentato nel dettaglio.

Insomma, Le Brocchette mi è sembrato il luogo ideale per viziarsi in un’occasione speciale, per godersi una giornata in cui non si ha fretta, per festeggiare una ricorrenza importante o anche solo per premiare una ristorazione di qualità, ogni volta che ce lo possiamo permettere.


Candy Valentino

error: Protected content