cosa mangiare di stagione
Enogastronomia

Mangiare di stagione: le ricette invernali e i cibi per rafforzare le difese immunitarie

Il nostro Paese è ricco di prodotti eccellenti e di specialità ma la possibilità di importare alimenti da tutto il mondo ci permette di acquistare sempre bevande e cibi provenienti da ogni dove. Nei grandi mercati e nei supermercati siamo abituati a trovare tutto l’anno frutta, verdura e ingredienti di ogni genere. Per questo motivo, quando si parla dell’importanza di mangiare di stagione, spesso si fa confusione su quali siano i prodotti freschi stagionali. Durante i mesi invernali, poi, può risultare molto utile conoscere le proprietà degli alimenti tipici del periodo che contengono valori nutrizionali benefici per l’organismo. Introdurre nella propria dieta alcuni cibi per rafforzare le difese immunitarie è un’ottima idea per contrastare l’indebolimento del fisico causato dal freddo.

Come mangiare di stagione a gennaio febbraio e marzo

cibi che rafforzano le difese immunitarie

Perché mangiare verdura di stagione nei mesi invernali? La risposta è che questa scelta vi garantirà il giusto apporto di valori nutrizionali per affrontare le temperature più basse e vi darà supporto contro l’influenza e i malanni stagionali. Per andare sul sicuro, vi consiglio di scegliere ad esempio tra le seguenti verdure:

  • barbabietole,
  • coste,
  • broccoli,
  • cavolfiore,
  • cavolo verza,
  • carciofi,
  • cardi,
  • carote,
  • sedano,
  • radicchio,
  • cime di rapa,
  • zucca,
  • rapanelli,
  • spinaci,
  • cicoria,
  • agretti,
  • puntarelle.

Alcune si possono gustare crude, altre mantengono intatte le loro proprietà antiossidanti se cotte al vapore. Altre ancora si prestano alla preparazione di ricette e condimenti saporiti, soprattutto per primi piatti, come risotti e pasta asciutta.

Mangiare di stagione in inverno, la frutta che non deve mancare

Tra la frutta fresca di gennaio, febbraio e marzo invece, ci sono:

  • arance,
  • mandarini,
  • clementine,
  • kiwi,
  • pere,
  • mele,
  • melograno.

Se non vi piace consumarla intera, potete prepararvi delle spremute o centrifughe come spuntino tra un pasto e l’altro, per garantirvi un pool di vitamine. Anche quando scegliete dove mangiare un buon gelato, è importante preferire gelaterie che producono i gusti nel rispetto della stagionalità degli ingredienti e della frutta.

Perché mangiare frutta e verdura di stagione?

coltivazione in serra

Arance, mele, pere, banane, lattuga, zucchine, finocchi: in Italia ci sono molti ortaggi e frutti disponibili al supermercato praticamente tutto l’anno. Ciò dipende dal fatto che in alcuni Paesi si trovano condizioni climatiche favorevoli alla coltivazione e alla raccolta di questi alimenti in periodi diversi rispetto a quelli che abbiamo in Italia. Anche le serre permettono di ricreare microclimi per la produzione di verdure che altrimenti non crescerebbero naturalmente all’esterno, in determinate stagioni.

Se si scelgono la frutta e verdura di stagione ci si accorgerà del gusto migliore e si potrà contare sulla genuinità dell’alimento, ricco di vitamina C, fibre, zuccheri, potassio e sostanze antiossidanti.

La coltivazione della verdura in serra

Una buona parte degli ortaggi si coltiva in serre non riscaldate. Questo consente di anticipare la raccolta di qualche settimana rispetto alla coltivazione esterna, grazie alla temperatura superiore che si sviluppa all’interno della serra. Inoltre, la serra fa da protezione contro insetti, animali e intemperie.

Alcuni imprenditori, invece, utilizzano le serre riscaldate che consentono di coltivare un prodotto durante tutti i mesi dell’anno ma consumano molta energia e hanno un impatto ambientale peggiore.

Cibi per rafforzare le difese immunitarie

Quali sono i migliori cibi per rafforzare le difese immunitarie d’inverno? Quante volte avrete sentito associare, ad esempio, lo zenzero o l’aglio al sistema immunitario. Indubbiamente ci sono alcune pietanze e ricette più adatte alla stagione fredda ed è meglio mettere a tavola piatti caldi, cereali e legumi e vegetali di stagione. La frutta secca, come nocciole, mandorle e noci fornisce un buon apporto di zinco e vitamina E, utile al sistema immunitario.

Per idratarsi, poi, oltre all’acqua si possono consumare infusi caldi e tisane per regolare al meglio la temperatura corporea e prevenire i malanni di stagione. Tenete anche presente che:

  • uova, carne e pesce, grazie alle loro proteine, aiutano l’attivazione della termogenesi, ovvero la produzione di calore;
  • formaggi, latticini e yogurt rinforzano gli anticorpi e il sistema immunitario. Non a caso, d’inverno vediamo le pubblicità di tanti prodotti ricchi di fermenti lattici, utili a ripristinare l’equilibrio della flora intestinale. Da questa dipende il corretto funzionamento delle difese immunitarie;
  • il consumo di legumi contrasta la carenza di ferro, responsabile della maggior percezione del freddo;
  • i cereali forniscono energia e facilitano la resistenza al freddo.

Aglio e sistema immunitario: un falso mito o una verità?

aglio per sistema immunitario

Spesso si associa il consumo di aglio al sistema immunitario. In particolare, le popolazioni di alcuni Paesi come quelli dell’est, hanno l’abitudine e la tradizione di mangiarlo, anche crudo, per rafforzare il fisico e prevenire malattie di vario genere. In effetti l’aglio contiene molta allicina e questa ha effetti antibiotici e antifungini sull’organismo dell’uomo. Previene il raffreddore e dà energia ma lo svantaggio è che è difficile da digerire e causa alito pesante a chi lo assume. Consumato quotidianamente, inoltre, l’aglio può provocare irritazioni alle pareti intestinali e danneggiare le cellule ematiche, causando anemia.

Ricette invernali: torta di erbe con uvetta

ricette invernali

Non pensate alla cucina invernale come a qualcosa di monotono e triste! Ci sono tante ricette da preparare utilizzando gli ingredienti tipici del periodo. Per preparare la torta di erbe con uvetta cominciate impastando 400 grammi di farina di kamut® con due cucchiai di aceto di mele, mezzo bicchiere di olio d’oliva, un cucchiaino scarso di bicarbonato e poco di sale. Formate una palla e aggiungete aceto di mele o acqua fredda se l’impasto è troppo secco. Mentre lasciate riposare le palla per mezz’ora in frigorifero, preparate il ripieno. Fate bollire insieme mezzo chilo di spinaci e mezzo chilo di bietole. Mettete a soffriggere due cipolle dorate, già tagliate a striscioline e nella padella unite le verdure cotte e scolate. Aggiungete una manciata di uvetta tenuta in ammollo in acqua tiepida. Mettete il ripieno tra due strati di impasto e far cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 35/40 minuti.

Ricette invernali: risotto con gli asparagi selvatici

ricetta risotto agli asparagi

Ecco come preparare un ottimo risotto invernale. Tagliate gli asparagi e tenete solo le punte ovvero la parte più tenera. Preparate del brodo con cipolla, patata, carota, sedano e un po’ degli scarti degli asparagi. Fate soffriggere uno spicchio di aglio in due cucchiai di olio extravergine d’oliva e tostate 320 grammi di riso dopo aver rimosso l’aglio dorato. Aggiungete gli asparagi e cuoceteli versando il brodo vegetale in piccole quantità per volta, mescolando spesso. Aggiungete sale e pepe a fine cottura.

Candy Valentino

error: Protected content